Solstizio d’inverno, cos’è e come viene festeggiato

Avete mai sentito parlare del solstizio d’inverno? Vediamo insieme di cosa si tratta e soprattutto come viene festeggiato nelle diverse parti del mondo.

Solstizio d’inverno, cos’è e come viene festeggiato

Quando parliamo di solstizio d’inverno ci riferiamo al primo giorno d’inverno astronomico, ovvero il giorno con meno ore di luce dell’anno. Questo giorno particolare arriva il ventuno dicembre. Però è bene precisare che  non si tratta di un’intera giornata, come si pensa spesso erroneamente, ma di un momento preciso. Infatti, si parla di solstizio d’inverno per l’orario delle ventrité e ventitré del ventuno dicembre. Per cui da quel momento fino al venti marzo, saremo ufficialmente nella stagione dell’inverno. Quando parliamo di solstizi ed equinozi ci riferiamo a dei fenomeni astronomici semplici da osservare e che quindi sono entrati a far parte di numerose culture e tradizioni. 

Solstizio d’inverno, cos’è e come viene festeggiato

Attenzione però, perché è bene sottolineare una cosa! Ovvero che i solstizi, così come gli equinozi, non hanno nulla a che vedere col il calendario e per tanto non cadono sempre nello stesso giorno a cui noi facciamo riferimento. Infatti, la sua data può variare in base alla durata dell’anno solare, della presenza di anni bisestili e altri elementi di questo genere.

Solstizio d’inverno, cos’è e come viene festeggiato

Oltre a rappresentazione l’inizio della stagione più fredda dell’anno, ovvero l’inverno, il Solstizio d’inverno rappresenta anche un fenomeno carico di simboli e significati per molte culture e popolazioni. Ma perché si parla di “solstizio”? Questo termine deriva dal latino e significa “sole fermo”, in quanto in questa specifica occasione il sole smette di calare rispetto all’equatore celeste, invertendo il suo cammino. A mezzogiorno la sua altezza è minima rispetto al resto dell’anno e, in particolare, nel punto maggiormente vicino alla Terra. Ciò che però fa pensare il contrario è che i suoi raggi arrivano inclinati e quindi fa più freddo.

Solstizio d’inverno, cos’è e come viene festeggiato

Ma come viene festeggiato in giro per il mondo il solstizio? Nella tradizione germanica e celtica precristiana, ad esempio, Yule era la festa rappresentativa. In sua occasione, le popolazioni erano solite banchettare sotto un pino, che potrebbe essere visto come l’odierno albero di Natale. Invece, nell’antica Roma durante questa giornata venivano celebrati i Saturnali: si abolivano e distinzioni sociali e gli schiavi prendevano il posto del padrone. Ma com’è cambiato nel corso del tempo e come viene festeggiato oggi?

Leggi anche –> Icardi, Wanda e China Suarez: il triangolo che nessuno sospettava

Solstizio d’inverno, cos’è e come viene festeggiato

Leggi anche –> 28 Novembre, l’attrice Martina Stella spegne le candeline

Oggi il Solstizio d’inverno in paesi come la Cina viene celebrato come una commemorazione degli antenati – ed è così sin dall’antichità. Da l’opportunità di trascorrere una giornata in famiglia e di mangiare i piatti tipici. In Inghilterra invece molte tradizioni si sono perse col tempo. Nonostante ciò, si usa ancora l’abitudine di sfilare per le strade travestiti con dei costumi, con delle lanterne di carta fatte in casa e soprattutto il monumento di Stonehenge è tra i luoghi più visitati.