Luciano Ligabue: il mondo del segno dei Pesci raccolto nel suo nuovo libro

Luciano Ligabue si racconta in un libro autobiografico in cui per la prima volta si racconta davvero. Un viaggio introspettivo che spazia in tutte le caratteristiche tipico del segno sotto il quale il cantante è nato

Luciano Ligabue torna alla ribalta, e lo fa non solo con i concerti ma anche con la pubblicazione di un libro autobiografico in cui si racconta a cuore aperto. “Una storia – autobiografia”, è questo il titolo del testo edito da Mondadori.

Luciano Ligabue: un viaggio tra successo, drammi e sogni tipici dei Pesci

luciano ligabue
In uscita l’autobiografia del Liga

Il cantante nato a Correggio il 13 marzo del 1960, è nato sotto al segno dei Pesci. E a guardarlo, ascoltarlo parlare e cantare, leggere i testi si fa fatica a pensare che possa essere nato sotto ad un altro segno. Una personalità che ha vissuto di sogni chiusi nel cassetto e che si è dovuto scontrare con la realtà. Di fatti prima di fare il cantautore ha svolto tante professioni, dal ragioniera al commerciante, al conduttore radiofonico finanche al bracciante agricolo.

luciano ligabue
In uscita l’autobiografia del Liga

La musica è sempre stato il suo sogno ma forse non la sua ambizione. Ad aprirgli gli occhi e farlo sognare davvero, ci è voluta una scintilla. Tipica per accendere i nati sotto al segno dei Pesci. La scintilla provenne dal cantante Franco Battiato. Durante un suo concerto infatti, mentre delle fan di Battiato esclamavano precisamente “quant’è bono Franco!”, il Liga pensò “magari lo faccio anche io il cantante”, a guardare l’eccitazione di quelle ragazze. E così fu. Si tratta ovviamente di un aneddoto simpatico, Luciano ha molto di più. Riesce (proprio come un nato sotto ai Pesci) ad avere una naturale empatia con le persone, con il pubblico, e così le canzoni e i suoi testi.

luciano ligabue
In uscita l’autobiografia del Liga

Un viaggio tra ricordi e dolori

luciano ligabue
In uscita l’autobiografia del Liga

Tra le righe si scorge tutta l’enorme sensibilità del segno dei Pesci. Attraversa la sua infanzia con i dolori personali (subiti anche sulla propria pelle che ha provato), al dolore forte di perdere un figlio. Cicatrici enormi che restano per essere osservate, e comprendere che il passato avanza ma resta lì a guardarci, come monito. Una vita riversata in canzoni, in “Cert notti” magnifiche di conserti, circa 800. Come la canzone stessa, un successo inaspettato e da lì quasi mai rimossa dalle scalette di tutti gli eventi. Un Pesci legato fortemente alla sua storia, al suo passato e al suo presente, ma come sempre non vede l’ora di ambire ancora a notti magnifiche e sognare momenti meravigliosi. Con le sue fantasie, e parole. Con la sua gente.