Body positivity: come accettare il proprio corpo e farne punto di forza

Passare per l’accettazione del proprio corpo, per stare poi bene con sé stessi: il body positivity è una vera e propria cultura sempre più in espansione

Body positivity
Body positive: come accettare il proprio corpo

Nell’era in cui siamo bombardati da modelle e modelli perfetti, che ci appaiono ad ogni scroll di smartphone, ad ogni pubblicità, insomma: un po’ ovunque, accettare sé stessi e il proprio corpo non è semplice. Stereotipi di persone che dovrebbero essere i modelli convenzionali, quasi tesi a plasmare la società. E chi è fuori da questa convenzione, viene anche etichettato in un certo senso come “diverso”, o se non altro non conforme. Ed è qui che nasce la body positivity: una cultura in espansione che punta all’accettare se stessi, il proprio corpo così come è e farne un modello.

Body positivity: la risposta al body shaming

Body positivity
Body positive: come accettare il proprio corpo

Il body shaming è quella pratica abominevole di inveire in maniera più o meno diretta e in maniera pregiudiziosa, di soggetti che sono considerati fuori dalla convenzione sociale. Si concentra in particolare su persone sovrappeso, o facendo entrare in campo la superstizione, contro persone con i capelli rossi, e via discorrendo. Commenti pungenti e velenosi, oltre che offensivi, verso chi secondo gli autori è troppo grasso, troppo magro, o il cui corpo è fuori dai parametri sociali. Offese che hanno un contraccolpo psicologico enorme, e la risposta al body shaming, è la body positivity. Un termine coniato tra il 2010 e il 2011 da donne “oversize”.

Mettere in evidenza anche i difetti

Body positivity
Body positive: come accettare il proprio corpo

Questo pensiero nasce affinché i pregiudizi possano essere abbattuti, e a suon di hashtag e like, e manifestazioni, mettere in mostra sé stessi con i propri difetti in bella mostra. Difetti definiti tali solo dalla società che tenda ad omologarsi in tutti i modi. È quindi uno sfilare con grande orgoglio di corpi definiti “oversize”, che siano di qualsiasi taglia o appartenenti a qualsiasi etnia. Oltre che del colore della pelle. Mettere in mostra le disabilità con i relativi problemi, ed essere fieri di affrontare la vita combattendoli a testa alta.

Body positivity
Two beautiful teenagers using mobile phone while laughing at the par

In questo modo gli standard imposti di bellezza si abbattono, e restituire il valore di tutti i corpi senza andare a pregiudicare il valore della persona.

Leggi anche -> Bullismo mediatico e cyberbullismo: una piaga attuale da segnalare

Body positivity
Body positive: come accettare il proprio corpo

Leggi anche -> Anoressia: segnali e campanelli d’allarme da monitorare

E così molti dei grandi marchi pubblicitari e di bellezza, hanno abbracciato la causa. Sulle passerelle e sulle copertine, è facile trovare oggi bellezze non conformi agli standard societari, ma che ugualmente bucano schermo e pagine dei giornali. La bellezza è negli occhi di chi guarda, certo, ma la stupidità è nella mente di chi giudica.