Non essere abbastanza: una paura ricorrente da affrontare

Spesso in ambito lavorativo o sentimentale, si può avere la percezione di non essere abbastanza: perché succede e come si può uscirne fuori

Non essere abbastanza
Come combattere la paure di non essere abbastanza?

La società che ci circonda spesso ci impone, o quasi, di essere sempre sul pezzo. Sentiamo il dovere di essere sempre all’altezza della situazione, e non abbassare mai la guardia per non perdere mai di credibilità. E questo in qualsiasi ambito: lavorativo, sentimentale e anche di famiglia. Ed è in questi momenti, che potremmo allentare la tensione e sentire di non essere abbastanza. Ma come è possibile non avere questa sensazione? Scopriamolo insieme.

Non essere abbastanza: fare una buona autocritica

Non essere abbastanza
Come combattere la paure di non essere abbastanza?

Una condizione di sconforto, che ci porta a credere di non sentirsi abbastanza, può capitare a chiunque. È un senso di inadeguatezza che deriva fondamentalmente da un senso di giudizio altri. E in particolare, un giudizio negativo. In questo modo si è sopraffatti dal timore di cadere in errore, di sbagliare, e mostrarsi fallibili. Si scatena un senso di soggezione, in particolare quando vanno affrontate persone particolari, importanti, o punti complessi di una relazione. Allora bisogna iniziare a fare una buona autocritica, e lavorare su se stessi. Cercare le proprie insicurezze, analizzarle, e capire perché si manifestano. È un lavoro da fare perché se si è giudiziosi (nel modo corretto) nei propri confronti, con la giusta autocritica, i giudizi e le critiche altrui possono essere affrontate con più raziocinio. Dandone il giusto peso, e far si che ci colpiscano la metà, di quanto avrebbero fatto altrimenti.

Come se ne esce?

Non essere abbastanza
Come combattere la paure di non essere abbastanza?

Oltre all’autocritica, il lavoro da fare su sé stessi è incentrato a migliorare la stima per la propria persona. Oltre al lavoro di analizzarsi, che aiuta a sviluppare consapevolezza dei propri pregi e difetti, bisogna costruire una buona opinione su sé stessi. Bisogna prendere i propri pregi e cavalcarli e lavorare sui propri difetti, trasformandoli in punti di forza. E invece che puntare al perfezionismo, che anche quello può essere un eccesso, bisogna puntare all’autenticità.

Non essere abbastanza
Come combattere la paure di non essere abbastanza?

Essere autentici, è la massima espressione della propria persona. Non ci induce a tentare di emulare qualcuno, ed esserne la brutta copia. Qualcuno potrebbe accorgersene, farcelo notare e potremmo fare una brutta figura. Essere autentici porta a migliorarci e ad accettarci, e in questo modo è possibile affrontare le situazioni con dignità, e sentendoci all’altezza.

Leggi anche -> Meditazione giornaliera: perché aiuta a stare meglio

Non essere abbastanza
Come combattere la paure di non essere abbastanza?

Leggi anche -> Sognare di scappare: cosa vuol dire e perché succede

E anche chiedere aiuto è una forma di maturità. Chiedere una mano a qualcuno che dall’esterno potrebbe farci individuare cose e modi di fare o di dire che, in altre condizioni, noi non saremmo in grado di individuare.