Come depurarsi dopo le feste: consigli per smaltire i cenoni

Chiunque di noi ha bisogno di depurarsi dopo le feste: scopriamo come è possibile sgonfiarsi dopo le maxi abbuffate

depurarsi dopo le feste
Come ridurre il senso di gonfiore dopo le festività natalizie?

Ebbene sì, il fatidico gennaio è arrivato e gli spettri di tutto ciò che abbiamo rimandato, inizieranno a presentarsi. Così come quello di smettere di ingozzarsi e cercare di riprendere forma e linea. È arrivato il momento di smaltire e depurarsi dopo le feste. Un tour de force intenso, iniziato alla vigilia di Natale, passando per Capodanno e completando con l’Epifania. È giunto il momento di rimboccarsi le maniche e lavorare per tornare in forma.

Depurarsi dopo le feste: “oggi non mangio” è il primo errore

depurarsi dopo le feste
Come ridurre il senso di gonfiore dopo le festività natalizie?

Una grandissima tentazione sarebbe quella di saltare i pasti. “Oggi non mangio niente“, “mangio direttamente a cena“, beh non ci sarebbe errore più grave da commettere. È un sacrificio che non porterà alcun risultato, contrariamente a quanto si pensi, nemmeno a dimagrire. Saltare i pasti è un grande errore e non bisogna abituare il corpo a queste mancanze. Anzi, contrariamente a quanto si possa pensare, bisogna mangiare almeno 5 volte al giorno, al fine di riuscire a distribuire durante tutto l ‘arco della giornata, l’apporto calorico da assumere. E con questo metodo, si riuscirà a tener bada la fame dirompente. Il pasto più importante è la colazione. Una buona colazione depurativa dovrebbe contenere frutta fresca al fine di fornire fibre solubili e insolubili all’organismo. Bisogna regolare il livello del glucosio nel sangue con cereali o anche pane integrale, e introdurre almeno uno yogurt.

depurarsi dopo le feste
Come ridurre il senso di gonfiore dopo le festività natalizie?

Leggi anche -> Snellire gambe e cosce: pochi esercizi per ottenere ottimi risultati

Allenamento, condimenti bilanciati e poco sale

Gennaio e settembre sono i mesi internazionali della palestra. Tutti noi abbiamo almeno rimandato una volta nella vita l’iscrizione, o l’inizio dell’attività fisica ad uno di questi due mesi. È giunto il momento di alzarsi e mettersi in moto. Almeno per non vanificare quanto si sta facendo con l’alimentazione. Unita infatti una buona attività fisica ad una corretta e regolata alimentazione, i risultati non tarderanno ad arrivare. Anche se non ci si vuole iscrivere in palestra, ci sono numerosi esercizi che si possono fare da casa, oppure se non riuscite, uscite a fare due passi. Durante i pasti, inoltre, non bisogna esagerare con i condimenti. Sicuramente non vanno aboliti, in quanto anche dei grassi necessita il nostro corpo, ma come ogni cosa va misurata. L’ideale è l’utilizzo dell’olio extravergine di oliva. Utilizzare poco sale, per evitare ritenzione idrica e anche bilanciare la pressione cardiovascolare.

Leggi anche -> Cosa mangiare prima e dopo lo sport: consigli per essere sempre in forma

Unitamente all’utilizzo di poco sale, è necessario bere tanta acqua al fine di eliminare scorie, favorisce la digestione oltre che a dare allo stomaco anche un senso di appagamento. Nell’alimentazione, inoltre, oltre a introdurre frutta a colazione (ideale mele e banane) è bene prendere confidenza con le verdure. Hanno forti proprietà depurative il cavolo, i broccoli e la verza. Ma anche gli asparagi aiutano a “pulire” l’intestino.

depurarsi dopo le feste
Come ridurre il senso di gonfiore dopo le festività natalizie?

O legumi come i fagiolini, che con l‘alto contenuto di acqua e il basso di sodio, oltre che depurativi e diuretici, tendono anche ad essere rinfrescanti. Il tutto al fine di eliminare tossine. Il senso di gonfiore inizierà a ridursi, e per concludere in bellezza, prima di coricarsi (ma nulla vieta anche durante il giorno) una tisana a base di camomilla, o tiglio per fornirci un buon sonno regolare. Utilizzate anche un pizzico di limone, che con la sua vitamina C, e proprietà antiossidanti e antinfiammatorie, ci restituirà un senso di leggerezza, che abbiamo sentito l’ultima volta prima di sederci a tavola, alla vigilia di Natale.