Esiste davvero il lieto fine: quello che le favole non ci dicono

E vissero per sempre felici e contenti… ma è davvero così? Quello che le favole non ci dicono sul lieto fine e su cosa viene dopo il bacio.

Esiste davvero il lieto fine: quello che le favole non ci dicono

Alzi la mano chi, almeno una volta, non ha paragonato la propria vita a quella quelle favole, ottenendo un risultato piuttosto deludente. Sì, insomma, noi non abbiamo scarpette di cristallo, uccellini che ci aiutano a rifare i letti o principi pronti a sfidare dei Draghi magici e incantati solo per svegliarci dal sonno. Anzi, è più il caso di dire che nella vita vera i draghi siamo noi, il nemico la sveglia e del principe neanche l’ombra. Ma cosa si nasconde dietro il lieto fine e quali sono le bugie delle favole?

Esiste davvero il lieto fine: quello che le favole non ci dicono

Molto spesso le persone si interrogano su quello che viene dopo il tanto atteso Lieto Fine. Sì, okay, tutto molto bello: i due protagonisti si innamorano, si inseguono, attraversano e vincono numerose peripezie e alla fine, a pochi minuti dalla fine, arriva il fatidico bacio d’amore. Proprio su questi baci si sono create la maggior parte delle aspettative in fatto di amore e relazioni: ma è davvero tutto così perfetto? La domanda, alla fine, è sempre e solo una. Tutto molto bello il lieto fine, ma poi cosa succede quando la ripresa sfuma, il film finisce e i due personaggi continuano la loro relazione?

Esiste davvero il lieto fine: quello che le favole non ci dicono

Cenerentola ritrova la scarpetta, o forse sarebbe il caso di dire che il principe ritrova Cenerentola. La Bella Addormentata viene svegliata dal bacio del vero amore e Filippo sconfigge la strega cattiva in forma di drago. Continuiamo? La Sirenetta supera il divario tra mare e terra, tra pesci e umani, mentre Raperonzolo riesce a evadere dalla torre e incontra il vero amore. E poi? E poi è tutto un lieto fine. Se anche Bridget Jones riesce a baciare il suo “Mr Darcy”, allora non c’è dubbio: c’è speranza per tutti. Ma cosa succede dopo che questa patina di perfezione e illusione allontana i protagonisti e li lascia vivere la loro storia d’amore? Insomma, la domanda è molto semplice: cosa succede dopo che la Bella ha vinto la maledizione della Bestia?

La risposta è semplice: subito dopo il lieto fine c’è la vita vera, iniziano le prime difficoltà e soprattutto ci si scontra con le prime difficoltà di una relazione. Questo fa un po’ parte di quel pacchetto che le favole non ci dicono. Si fermano tutte al bacio, alla dichiarazione e al “vissero tutti felici e contenti”. Ma è davvero così? O forse sarebbe più il caso di dire che, proprio questo happy ending, ha creato in noi delle aspettative così alte da renderci costantemente insoddisfatte? Siamo sempre portate a pensare che dopo aver vinto le difficoltà e aver ottenuto il bacio del vero amore… debba tutto finire, si pronuncia l’ultimo ciack e nulla più. Ma, proprio come ci ha insegnato la più che saggia Bridget Jones, è proprio dopo il tanto atteso lieto fine che iniziano i problemi.

Leggi anche –>Zodiaco: quando progettare il futuro diventa un’ossessione

Esiste davvero il lieto fine: quello che le favole non ci dicono

Leggi anche –>Top artisti ascoltati durante l’anno: il podio

Anzi, sarebbe più il caso di dire che è proprio dopo la fine che inizia per davvero la nostra storia. Quella che le telecamere preferiscono non riprendere: spazzolini nello stesso bagno, dentifricio sempre aperto male, cesto dei panni sporchi costantemente stracolmo di calzini non nostri. Insomma, nessuno ha mai rappresentato Cenerentola alle prese con la biancheria del principe azzurro, e allora chi dice che non accade? Forse, ma proprio forse, dovremmo venire a patti con questa idea: che le favole, in realtà, non fanno che dirci bugie. Ci ingannano, ci fanno credere che una volta ottenuto il bacio del vero amore tutto diventerà più facile. E poi? E poi però le bollette non si pagano da sole, le gelosie non si risolvono con una scarpetta di cristallo e le incomprensioni di certo non finiscono perché un Candeliere ci canta una canzone.