Come capire se ti sta manipolando: le frasi inconfondibili

Ti sta manipolando o non ne sei sicura? Ecco alcuni frasi che potrebbero farti capire che non è solo una tua impressione.

Come capire se ti sta manipolando: le frasi inconfondibili

Non sempre è facile capire quando qualcuno ci sta manipolando. Anzi, molto spesso si tratta di un atteggiamento sibillino, difficile da individuare e ancor più complesso da venirne fuori. Ci vuole tanta forza di volontà e, soprattutto, la consapevolezza di star subendo questo trattamento. Se avete il dubbio, però, ecco alcune frasi e situazioni che dovrebbero apparire ai vostri occhi come inconfondibili. 

Come capire se ti sta manipolando: le frasi inconfondibili

RINFACCIARE IL PASSATO 

Quando qualcuno ti sta manipolando, in realtà, capirlo è piuttosto semplice. Ci sono infatti delle frasi o delle atteggiamenti che risultano essere piuttosto inconfondibili. Tra queste troviamo, senza dubbio, uno in particolare: ovvero, quando l’altra persona ci rinfaccia il passato. Ad esempio, ci ricordano spesso un nostro vecchio errore, una decisione presa o addirittura una non presa. Tra le frasi più comuni, in questi casi, c’è quella di “Eh, ma tu hai…” e poi continuano, pronti a rinfacciare anche cose successe anni e anni fa. In questo modo, è come se vi facessero sempre sentire in difetto, come se doveste sentirvi costantemente sotto esame e in cerca di un perdono di cui in realtà non avete bisogno. 

Come capire se ti sta manipolando: le frasi inconfondibili

METTERTI IN BOCCA PAROLE 

Altra abitudine molto diffusa di una persona che vi sta manipolando, è quella di manovrare i vostri ricordi per farvi credere di essere in difetto e nel torto. La loro frase più comune, per tanto, diventa “Tu hai detto o fatto così”. E’ sempre un dito punto contro di voi e mai una colpa condivisa o magari un’ammissione da parte loro. E il bello, anche se ci costa ammetterlo, è che spesso e volentieri sono così convincenti, che finiamo per crederci anche noi. Così cominciamo a dubitare delle nostre stesse parole e iniziamo a scusarci o sentirci in difetto senza aver realmente fatto qualcosa. In ogni caso, è bene specificarlo: anche se in un passato remoto o lontano avessimo detto qualcosa, questa non è una scusante per rinfacciarlo in ogni momento. 

FARTI SENTIRE IN DIFETTO 

Vi sta manipolando? Se sì, ve ne renderete conto con estrema facilità. Infatti non dovrete far altro che aprire gli occhi e vi renderete conto di come l’altra persona fa di tutto per farvi sentire in difetto. La frase più diffusa, in questo caso, è “Qui funziona così…” oppure “Tu non sai come funziona qui…” E’ un modo implicito, in un certo senso, per farvi sentire inferiore, per non darvi la libertà di mettervi comoda ma lasciarvi, invece, costantemente sulle spine. Inoltre, così facendo, fanno leva su quello che è il vostro desiderio di essere inclusi, di essere accettati e che spossa ci porta a fare di tutto pur di entrare a far parte di un gruppo.

SMINUIRTI COME PERSONA 

Quando qualcuno ci sta manipolando, non ha paura di far sentire la propria voce e soprattutto non teme di prevalere su di voi. Proprio per questo motivo, molto spesso avrà l’abitudine di sminuirvi. Magari vi farà notare come non siete pronti per una certa situazione, come quel rapporto per voi non sarete mai abbastanza perché siete immaturi o cose di questo genere. Tutta una serie di frasi che, a lungo andare, finirebbero per installarci una sensazione di difetto e inferiorità. Non fatevi ingannare dal modo in cui queste cose vengono dette o dal fatto che, magari, a volte vi possono sembrare anche contestualizzate. In realtà questo continuo attaccarvi e farvi notare i vostri difetti, non è altro che un modo per rendervi più dipendenti.

Leggi anche –>Emma Watson: “Volevo lasciare Harry Potter, non ce la facevo più”

Come capire se ti sta manipolando: le frasi inconfondibili

INSTALLARTI LA PAURA DI PERDERLE

Leggi anche –>Come trasformare l’ansia in sicurezza: le regole infallibili

Per finire, un’atteggiamento tipico delle persone che vi stanno manipolando è quello di installarvi la paura di perderle. Molto spesso, infatti, queste persone non fanno che togliervi sicurezze. Prima vi portano ad attaccarvi, a dipendere in un certo senso da loro fino a considerarle delle colonne portanti. Subito dopo, però, cominciano con delle frasi sibilline che vi faranno pensare sempre di più di avere il continuo e costante rischio di perderle. Così, vi sentirete sempre sul filo del rasoio e avrete paura di “reagire”.