Emma Watson: “Volevo lasciare Harry Potter, non ce la facevo più”

Emma Watson e la rivelazione shock durante la reunion di Harry Potter: “Volevo lasciare la saga, non ce la facevo più”. Ma scopriamo di più.

Emma Watson: “Volevo lasciare Harry Potter, non ce la facevo più”

Dal primo gennaio è finalmente disponibile, su Sky e NowTv, la tanto attesa reunion del cast di Harry Potter. In onore del ventesimo anniversario dall’uscita della Pietra Filosofale al cinema, inifatti, il cast ha deciso di riunirsi per rievocare quei magici dieci anni che li ha visti diventare tra gli attori più amati di tutto il mondo. Non mancano però le rivelazioni scottanti che hanno letteralmente sconvolto il pubblico. Tra queste, la frase di Emma Watson: “Volevo lasciare Harry Potter, non ce la facevo più”

Emma Watson: “Volevo lasciare Harry Potter, non ce la facevo più”

Sono state tante le rivelazioni che sono venute fuori dall’attesissima reunion di Harry Potter: ricordi rievocati, retroscena curiosi, legami indissolubi ma anche alcune confessioni shock da parte degli attori protagonisti. Tra queste troviamo anche quella di Emma Watson, il volto di Hermione Granger, la strega più brillante della sua età: l’attrice, infatti, con le lacrime agli occhi rivela di come a un certo punto abbia seriamente pensato di voler lasciare la saga cinematografica di Harry Potter. Ma scopriamo perché e cosa l’ha portata a questi pensieri.

Emma Watson: “Volevo lasciare Harry Potter, non ce la facevo più”

Proprio Emma Watson, infatti, ha rivelato di come alla fine del quarto film di Harry Potter abbia seriamente pensato di lasciate l’immenso franchise di Harry Potter. Il Calice di Fuoco era appena uscito, lei aveva solo quattordici anni e gli occhi di tutto il mondo puntati addosso. Si sa, l’adolescenza non è mai un’età facile, ma provate ora a pensare come deve essere stato crescere – in un’età così delicata – con tutti i riflettori puntati contro. Proprio per questo motivo, la Watson rivela di come a un certo punto si sia sentita letteralmente smarrita: le sembrava di aver intrapreso un progetto infinito, senza fine e di cui non riusciva a vedere la luce alla fine del tunnel. Confessa, infatti, di aver avuto paura: come se, alla fine del quarto film e arrivata alla metà della saga, si fosse trovata a un punto di svolta.

Emma Watson: “Volevo lasciare Harry Potter, non ce la facevo più”

La svolta era chiara: continuare o lasciare, e lei sembrava che quella decisione andasse presa proprio in quel momento o non ne avrebbe mai più avuto l’occasione. Sempre lei, Emma Watson, racconta della difficoltà che si sono nascoste in realtà dietro quegli anni. Certo, i dieci anni di Harry Potter costituiscono alcuni tra i più bei ricordi della sua vita, ma allo stesso tempo l’hanno messa davanti a tante, tantissime difficoltà. Racconta infatti di come si sentisse sola, non spalleggiata e soprattutto incompresa da tutti. A darle manforte, inaspettatamente, è Rupert Grint, interprete anche lui per dieci anni di Ron Weasley. L’attore, infatti, interviene in appoggio dell’amica e ex collega, raccontando di come anche lui abbia avuto momento simili per tutta la durata della saga cinematografica.

Leggi anche –>Prima impressione: cinque errori molto comuni che facciamo tutti

Emma Watson: “Volevo lasciare Harry Potter, non ce la facevo più”

Leggi anche –>Nuovo anno vita nuova: il segno più fortunato è Pesci

Ron e Hermione si trovano però d’accordo su una cosa: probabilmente sapere che anche qualcun altro stava passando la lo stessa situazione sarebbe stato d’aiuto, l’avrebbe reso più facile. Ma allo stesso tempo, a soli quattordici anni, nessuno di loro ha mai davvero pensato che qualcun altro potesse provare quelle stesse cose. In conclusione, Emma Watson racconta di come proprio recentemente abbia trovato alcune pagine di diario personale risalenti a quel periodo. E di come, da quelle parole scritto, lei si sia ricordata perfettamente della sensazione di inadeguatezza e instabilità che l’attraversava in quel periodo. Infine, però, rassicura tutti. Non si pente della decisione fatta, di aver portato a termine la saga e di aver continuato a essere la nostra Hermione preferita. Rivela anche di come nessuno le abbia dato consigli perché non era ciò di cui aveva bisogno. Sapeva di dovercela da sola e così è stato.