Prima impressione: cinque errori molto comuni che facciamo tutti

Inutile girarci intorno: la prima impressione che ci facciamo o che altri si fanno di noi, può dire tanto. Ma quali gli cinque più comuni?

Prima impressione: cinque errori molto comuni che facciamo tutti

La prima impressione è sempre molto importante quando ci presentiamo a un nuovo gruppo di persone. Molto spesso, è proprio dai primi attimi in cui conosciamo qualcuno che si viene a stabile il rapporto che avremo con quella persone e l’idea che loro avranno di noi. Proprio per questo motivo, ci sono alcuni errori molto comuni che tendiamo a compiere un po’ tutti quando conosciamo qualcuno. Scopriamo insieme quali sono. 

Prima impressione: cinque errori molto comuni che facciamo tutti

COME CI PRESENTIAMO 

Tra gli errori più comuni che ognuno di noi compie e che influiscono inevitabilmente sulla “prima impressione”, c’è senza dubbio il modo in cui ci presentiamo. Il primo sguardo, inutile girarci intorno, è sempre quello più importanti. Da una sola occhiata le persone possono decidere molto sul comportamento che avranno con noi, sull’attenzione che secondo loro meritiamo e spesso e volentieri anche sull’idea che avranno di noi. Proprio per questo motivo, quando facciamo la nostra entrata in una stanza o comunque in un luogo nuovo, dobbiamo sempre giocare molto con quello che è il linguaggio del corpo. Dobbiamo, in poche parole, mostrarci fieri, sicuri e a testa alta. Non remissivi, insicuri o anche timidi: altrimenti, sarà un attimo e agli occhi degli altri diventeremo pressoché invisibili.

Prima impressione: cinque errori molto comuni che facciamo tutti

COME CI COMPORTIAMO

Un altro errore molto comune che influisce sulla prima impressione che molti si fanno di noi, è dato dal nostro comportamento. O per meglio dire, da come ci poniamo nel momento in cui parliamo con qualcuno che magari non conosciamo. Parliamo del cosiddetto “linguaggio del corpo”, ovvero quello che i nostri gesti e atteggiamenti lasciano intuire a chi ci è intorno. Se abbiamo, ad esempio, le braccia attaccate al corpo o se invece gesticoliamo, apriamo le braccia. Insomma, se con i nostri gesti e il nostro atteggiamento mettiamo a loro agio anche le nostre persone. Un esempio molto comune è quello di stringere la mano a tutti i presenti, in modo tale da creare una connessione istantanea con le altre persone. 

COSA DICIAMO 

Molto importante è anche il nostro linguaggio verbale. In una buona impressione, infatti, influisce notevolmente anche cosa diciamo e in che modo lo facciamo. Se siamo espansivi con le parole, se usiamo un tono positivo, energico e socievole. Quando parliamo, ad esempio, dovremmo sempre cercare di mettere a nostro agio le persone che ci sono vicine, di usare un tono calmo, accogliente e morbido. Molto consigliato è anche la scelta o comunque possibilità di fare complimenti alle altre persone, in modo tale da metterle a loro agio e allo stesso tempo di renderci “simpatici” ai loro occhi. Non cercate però di strafare, cercate piuttosto di essere sinceri e se non avete nulla da dire, allora meglio evitare proprio.

IL NOSTRO ATTEGGIAMENTO 

Un altro errore molto frequente che compiamo e che finisce sempre per influenzare la prima impressione che si ha di noi, è il modo in cui ci rapportiamo con gli altri. Se infatti il nostro unico atteggiamento e comportamento sarà quello di puntare i riflettori su noi stessi, metterci al centro dell’attenzione e parlare unicamente di noi, senza dubbio gli altri non si faranno un’idea di noi molto positiva. Se invece giochiamo molto con chi conosciamo già, ci mostriamo complici e supportivi, e quindi evitiamo di metterci sin da subito in prima linea, l’opinione che verrà maturata sarò ben diversa. 

Leggi anche –>I muscoli della felicità: quando un sorriso costa poco

Prima impressione: cinque errori molto comuni che facciamo tutti

QUANTO ASCOLTIAMO 

Leggi anche –>L’importanza di un abbraccio: cosa si verifica in noi

Infine, l’ultimo errore molto comune che finisce sempre per influenzare la prima impressione che gli altri possono avere su di noi, è la capacità di ascoltare. Se infatti ci mostreremo come persone distratti, incapaci ad ascoltare e a prestare attenzione agli altri, difficilmente le persone si faranno una buona opinione di noi. E’, invece, molto più fattibile e plausibile che se ci mostriamo come persone socievoli e pronto all’ascolto, anche gli altri avranno un buon ricordo di noi.