I muscoli della felicità: quando un sorriso costa poco

Vi siete mai chiesti quanti muscoli impieghiamo per un sorriso e qual è la sua importanza per il nostro organismo?

I muscoli della felicità: quando un sorriso costa poco

Vi siete mai chiesti quanti muscoli sono coinvolti in un sorriso? Ebbene, un gesto così naturale, semplice e immediato richiede solo dodici muscoli. Vi sembreranno tanti forse, ma in realtà non sono altro che un millesimo di quanti ne usiamo normalmente e, soprattutto, neanche paragonabili a quelli necessari per avere degli eccessi di rabbia o dei pianti. Tuttavia, i muscoli necessari per sorridere non sono fissi ma cambiano a seconda della cultura: infatti, vediamo come persone che provengono da aree molto diverse del mondo ridono e sorridono in modo differente.

I muscoli della felicità: quando un sorriso costa poco

Il sorriso chiaramente può variare, da quello più sincero e genuino, passando per quello di cortesia fino ad arrivare a uno più freddo, quasi meccanico. Generalmente però, quando il sorriso è realmente sincero e reale, e quando davvero trasmette la felicità di una persona, ci sono dei benefici che ha sul nostro organismo. Benefici che proprio non possono essere ignorati.

I muscoli della felicità: quando un sorriso costa poco

Innanzitutto, un buon sorriso sincero e genuino agisce come un ottimo antidolorifico naturale. Infatti, quando sorridiamo il nostro cervello rilascia determinati ormoni chiamati endorfine. Questi ci permettono di allievare e contrastare il dolore, ma anche di aumentare le nostre dosi di benessere in modo del tutto naturale e soprattutto duraturo. Grazie a questi ormoni, infatti, riusciamo a sentirci più felici, in pace con noi stessi e soprattutto rilassati. Si riduce in poche parole lo stress. Un altro beneficio che non tutti sanno dei sorrisi è che aiutano a contrastare l’insorgere delle rughe. Vi sembra strano? Eppure è proprio così. A discapito di quanto si può pensare, distendere le labbra non solo è un segno di felicità, ma permette anche di rilasciare le emozioni bloccate e rilassare i muscoli.

Un’altra caratteristica che proprio non si può sottovalutare del sorriso è la sua capacità di essere un linguaggio universale. Quando si sorride, infatti, si riesce ad andare oltre a qualsiasi incomprensione o addirittura mancanza di dialogo verbale. Basta distendere le labbra e subito viene palesata la propria felicità ed entusiasmo. Inoltre, è anche molto contagioso: così, sorridendo, non solo farete del bene a voi ma anche a chi vi sta intorno. Riuscirete così a portare allegria e felicità anche nel vostro gruppo di amici o all’interno della vostra famiglia: è tutto con un semplice sorriso. 

Leggi anche –> Menù del 24 Dicembre: i piatti che proprio non possono mancare

I muscoli della felicità: quando un sorriso costa poco

Leggi anche –> Strade dei film: star per un giorno (PARTE SECONDA)

Il sorriso però non è utile solo a chi ci è vicino, per vivere un po’ della luce riflessa della nostra felicità. Quando sorridiamo infatti ci sentiamo immediatamente più sicuri di noi stessi e aumenta la nostra autostima. E’ come se ci sentissimo invincibili e imbattibili, e questo non fa che riflettersi inevitabilmente sul nostro rendimenti e sulle nostre capacità. Infatti, credendo in noi stessi, scopriremo di come molte cose ci appaiono improvvisamente più semplice e immediate. Anche il nostro umore è viene influenzato dalla nostra capacità di sorridere: è come se riuscisse a ingannare il nostro corpo e la nostra mente. Se, sorridendo, siamo i primi a credere di essere felici, immediatamente ci riuscirà più semplice esserlo davvero.