Le parole più googlate nel 2021: quali sono e perché

Il 2021 è ormai agli sgoccioli e tutti si stanno divertendo a fare un bilancio dei mesi passati. Ma quali sono le parole più googlate?

Le parole più googlate nel 2021: quali sono e perché

Stiamo vivendo gli ultimi giorni di questo duemila ventuno, un anno che ci ha dato tanto ma che allo stesso ci ha anche tolto molto. Di certo, nel corso di questi dodici mesi abbiamo dovuto imparare a reinventarci, abbiamo scoperto i nostri limiti e soprattutto scoperto come poterli superare. Ma vediamo di fare un bilancio “social” di questo anno: quali sono le parole più googlate dagli italiani e in quali categorie?

Le parole più googlate nel 2021: quali sono e perché

CALCIO 

Tra le parole più googlate dell’anno inerenti al calcio troviamo senza dubbio “Seria A” ed “Europei”. In questo caso, non ci sembra poi di dover tanto spiegare il perché. Come ben sappiamo, infatti, il calcio è tra gli sport più seguiti nel nostro Paese e rappresenta una vera e propria certezza. In più, il duemila ventuno ha visto la messa in onda degli Europei, con l’Italia che con sacrificio e sudore si è aggiudicata e guadagnata il primo posto. Sempre inerente al calcio, tra le parole più googlate troviamo anche un nome, quello di Christian Eriksen. Numerose sono infatti le persone che lo hanno cercato per accertarsi delle sue condizioni di salute a seguito del suo malore in campo, durante gli europei.

Le parole più googlate nel 2021: quali sono e perché

PERSONAGGI

Passiamo ora ai personaggi pubblici che sono stati googlati più volte nel corso di questo duemila ventuno. Dalla politica fino al mondo dello spettacolo, quali sono i nomi più in voga di questo anno? Senza ombra di dubbio, troviamo due esponenti della politica che molto hanno fatto parlare di sé. Da un lato Mario Draghi, dall’altro Giuseppe Conte: un po’ come vedere contrapposto il passato e il futuro del governo italiano. Spostandoci invece per altri “mari”, vediamo come anche il nome di Donnarumma sia stato cercato tantissime volte. Portiere giovanissimo, ha fatto parte della nazionale italiana agli europei e a lui dobbiamo la parata decisiva che ci ha portati alla vittoria. Ma vediamo anche nomi appartenenti al mondo dello spettacolo, come Raffaella Carra, Carla Fracci e Michele Merlo: tre volti molto conosciuti e amati, che purtroppo ci hanno lasciato.

COME FARE

Numerose sono anche le volte in cui gli italiani si sono posti delle domande, in particolare hanno chiesto come poter fare una determinate cosa. Tra le spiegazioni più googlate troviamo: come fare lo spid, il green pass, gli screenshot da pc. O ancora: molti si sono interrogati su come poter fare il backup di Whatsapp, il vaccino anti Covid o il nodo alla cravatta. Tra le domande più divertenti, infine, troviamo anche quelle inerenti alla stesura di un curriculum e alla lavatrice. Insomma, non ci sono limiti ai quesiti degli italiani. Ma anche il mondo della cucina e gastronomia ha dato molto a cui pensare. Tra le domande più diffuse, soprattutto a cavallo tra il duemila venti e il duemila ventuno, troviamo “come fare la pizza fatta in case”. A seguire ci sono anche domande inerenti al pesto fatto in casa, la besciamella, il sushi e il porridge.

Leggi anche–> I segni più istintivi: quelli che prima agiscono e poi pensano

Le parole più googlate nel 2021: quali sono e perché

PERCHE’…?

Leggi anche–> Yule, la magia della notte più lunga dell’anno: di cosa si tratta

Alla lista delle domande e dei “come fare”, gli italiani hanno googlate anche numerosi “perché” nel corso di questo duemila ventuno. Ad esempio, molti si sono interrogati circa le dimissioni di Conte, o ancora sul perché Whatsapp sia andato spesso in down, soprattutto nella seconda metà di questo anno. Tra le domande più diffuse troviamo anche il perché gli inglesi, agli europei, si siano tolti la medaglia del secondo posto. O ancora perché Messi ha deciso di andare via dal Barcellona. Concludiamo la lista dei perché con uno tra i più bizzarri, divertenti e sicuramente indimenticabili: ovvero “Perché i cani leccano”.