L’importanza di Babbo Natale per i bambini

Babbo Natale è senza dubbio tra le figure inventate più amate e aspettate di tutte le feste natalizie. Ma perché è così importante per i bambini? 

L’importanza di Babbo Natale per i bambini

Vi siete mai chiesti perché la figura di Babbo Natale sia così importante? Sia i più grandi che i più piccini, sia coloro che ci credono ancora che coloro che invece hanno dovuto abbandonare questi sogni, parlano sempre con un certo affetto di lui. Innanzitutto, vediamo che proprio la presenza di questo simpatico vecchietto dalla barba bianca e lunga, e una borsa sempre piena di regala, ci aiuta a stimolare la nostra creatività e immaginazione.

Oltre a questo, soprattutto tra i più piccini, l’idea del suo arrivo aiuta a diffondere tutta un’energia positiva, una carica di entusiasmo ed eccitazione che è un crescendo fino alla mezzanotte del ventiquattro dicembre. Coloro che però subiscono maggiormente l’influenza del Nonno di tutto il mondo sono proprio i bambini. Un po’, forse, perché sono ancora nell’età per crederci, e un po’ anche perché a dispetto degli adulti dispongono ancora di una certa meraviglia negli occhi. Ma vediamo nel dettaglio quella che è la sua importanza. 

L’importanza di Babbo Natale per i bambini

Innanzitutto, chi è Babbo Natale? Molto spesso viene definito come il Nonno di tutto il mondo. Da sempre, viene rappresentato come un uomo in carne, vestito di rosso e con una lunga barba bianca a incorniciargli il viso. Due occhialetti a mezza luna sul naso, un sorriso sempre affettuoso e una sacca piena di regali sempre sulla spalla. Il timbro che permette di distinguere sempre Babbo Natale, però, è la sua immancabile slitta e le renne con cui la notte del ventiquattro dicembre fa il giro di tutto il mondo. 

L’importanza di Babbo Natale per i bambini

Ma perché credere in Babbo Natale e aspettare il suo arrivo alla mezzanotte della Vigilia è così importante per i bambini? Innanzitutto, vediamo che proprio la possibilità di riporre la propria fiducia in un qualcuno di differente dai propri genitori, è di aiuto per la crescita personale del bambino. Così, infatti, ha la possibilità di non fare affidamento sempre e solo al potere dei genitori. Un altro aspetto fondamentale, è che proprio l’idea di Babbo Natale, permette ai bambini di sviluppare la loro immaginazione e creatività. Infatti, come forse avrete a volte notato, i bambini se posti davanti a un indizio della non esistenza del Nonno di tutti, cominciano a fare dei veri e propri viaggi. Con l’immaginazione, infatti, pur di continuare a credere in questa favola ancora per un po’.

L’importanza di Babbo Natale per i bambini

Sempre per i bambini, questa piccola bugia a fin di bene è molto utile per stabilire in loro quello che è il confine tra la realtà e la fantasia. Infatti, alcuni esperti ci mostrano come proprio l’immaginazione sollecitata dalla figura di Babbo Natale, ci permette di allenare già in tenera età le nostre capacità emotivo e psicologiche. Ma non solo! Infatti, in un primo momento i bambini vivono il Natale solo come una giornata di festa in cui poter ricevere dei nuovi giocattoli. Invece, nel momento in cui vengono messi a parte di questa piccola “bugia”, è come se in loro nascesse anche quella che è l’idea delle tradizioni. Da questo momento in poi, infatti, cominciano ad associare le feste natalizie non solo ai regali ma anche da qualcosa da aspettare. 

Leggi anche –> Gli errori nei film più famosi di sempre: quando scappa, scappa (PARTE PRIMA)

L’importanza di Babbo Natale per i bambini

Leggi anche –> Gli errori nei film più famosi di sempre: quando scappa, scappa (PARTE SECONDA)

Vediamo anche che proprio l’idea di Babbo Natale, stimola nel vario crescendo i bambini a porsi degli interrogativi. Col tempo, infatti, ognuno di noi si trova davanti la consapevolezza di come in realtà questo uomo magico. Capace di regalare doni ai bambini di tutto il mondo nel corso di una sola notte, sia pura invenzione. Ma per arrivare a questa cruda consapevolezza, i bambini devono per la prima volta mettersi. Cominciano così a non credere a tutto ciò che viene detto loro. Ma anzi a porsi delle domande, a prendere coscienza della loro capacità di giudizio.