Vigilia di Natale, le tradizioni imperdibili di oggi

Siamo finalmente arrivati alla tanto attesa Vigilia di Natale: quali sono le tradizioni imperdibili per questa giornata? Scopriamole insieme.

Vigilia di Natale, le tradizioni imperdibili di oggi

Molto spesso si tende a sottovalutare quella che è l’importanza e la carica simbolica del ventiquattro Dicembre. Infatti, le persone tendono a proiettarsi quasi sempre e subito al venticinque, il giorno di Natale vero e proprio: si scartano i regali, si sta insieme dalla mattina e si gioca. In realtà, anche la Vigilia di Natale con il suo cenone e i suoi preparati può essere una giornata carica di magia e tradizioni. Vediamo quali sono le più originali che spesso facciamo senza rendercene conto e quali, invece, quelle di cui neanche sapevamo l’esistenza.

Vigilia di Natale, le tradizioni imperdibili di oggi

La prima delle tradizioni della Vigilia di Natale è quella di passare un pomeriggio in totale relax… a leggere. Già, sappiamo bene che la parole relax e ventiquattro dicembre difficilmente riescono a combinarsi in una stessa, ma in realtà l’idea è proprio questa. Nonostante quasi tutti, infatti, si riducano spesso fino all’ultimo minuto a preparare le ultime cose del cenone della Vigilia, questa giornata è pensata in tutt’altro modo. Secondo la tradizione infatti si dovrebbe, armati di coperta, tazza di tè e un buon libro in mano, leggere una delle favole tipiche di queste feste.

Vigilia di Natale, le tradizioni imperdibili di oggi

Altra tradizione di questa giornata che precede il Natale vero e proprio è quella del cenone. Infatti, è risaputo che si comincia a mangiare dalla sera del ventiquattro e non ci si ferma più fino al trentuno, quando si segna il passaggio da un anno all’altro. Ma com’è organizzato il cenone secondo la tradizione? Ebbene, in realtà prevede la bellezza di ben tredici portare. La scelta non è casuale, infatti richiamare i dodici apostoli che prendono posto vicino a Gesù nel Cenacolo. In questi tredici piatti troviamo un primo, un secondo, contorni, pane, vino, frutta e molto altro. Ma ancora: lo sapevate che, sempre secondo la tradizione, non si può disfare la tavola fino a quando non finisce la Vigilia e scocca la mezzanotte?

Vigilia di Natale, le tradizioni imperdibili di oggi

Un’altra tradizione, meno diffusa in Italia ma molto rispettata e apprezzata all’estero, è quella di preparare i biscotti per Babbo Natale. Infatti, durante la Vigilia di Natale le mamme, i papà e i bambini dovrebbero riunirsi tutti insieme e preparare i tipici biscotti natalizi. Una specie di pegno, un regalo da lasciare sotto l’albero per quando Babbo Natale arriverà a mezzanotte a portare i regali. Ma non finisce qui, perché un’altra tradizione prevedere una serata passa all’insegna dei giochi. Durante la notte del ventiquattro dicembre, infatti, non ci sono più distinzioni tra grandi e piccini. Ci si riunisce tutti insieme intorno a un tavolo e ci si dedica ai giochi da tavola.

Leggi anche –> Le relazioni, l’amore e i suoi falsi miti: ecco a cosa non credere

Vigilia di Natale, le tradizioni imperdibili di oggi

Leggi anche –> Tra tradizioni e scaramanzie a Capodanno: prepararsi al meglio

Sempre parlando della vigilia di Natale, sempre di più negli ultimi anni si è diffusa una tradizione originale, bizzarra e senza dubbio divertente. E’ chiamata “maglione ugly”, o anche conosciuto come pigiama a tema. Consiste nell’indossare il peggior maglione di Natale di cui si dispone: più è bizzarro e improponibile, più sarete riusciti nell’impresa e avrete vinto la sfida. Inoltre, soprattutto tra i più giovani si è diffusa l’usanza di uscire prima del cenone. Ovvero, fino a che non tramonta il sole tutti i giovani si riversano per le strade a festeggiare l’arrivo del Natale.  Tra aperitivi, pomeriggi in compagnia e atmosfera natalizia, ovunque si andrà si troveranno le strade affollate. Per finire, c’è un’ultima tradizione che però, rispetto alle altre, passa molto in sordina. Parliamo di quella che prevede l’allestimento di un mini detox bar: in cosa consiste? Nel allestire un piccolo spazio decorato con aspetti più “detox”, leggeri e che possano aiutare tra una portata e un’altra.