Menù del 24 Dicembre: i piatti che proprio non possono mancare

Il Cenone della Vigilia di Natale è ormai alle porte: ma quali sono i piatti che proprio non possono mancare in questa notte così magica?

Menù del 24 Dicembre: i piatti che proprio non possono mancare

Nella giornata del ventiquattro Dicembre, di solito, le famiglie si dividono in due fazioni. Da un lato, coloro che si permettono qualche ora di relax, si svegliano tardi e magari decidono di oziare tutto il pomeriggio sul divano in attesa dell’agitazione delle feste. Dall’altro lato, invece, chi si rimbocca le maniche e cerca di fare una corsa contro il tempo per preparare le ultime cose. Il Cenone della Vigilia di Natale, infatti, è sempre il più complesso da preparare. A base di pesce, vasto, impegnativo e che ci riduce sempre all’ultimo con i preparativi. Ma quali sono i piatti che proprio non possono mancare sulla nostra tavola nella serata del ventiquattro Dicembre? Tra l’attesa della mezzanotte, i giochi in famiglia e l’atmosfera magica in arrivo, quali sono le ricette simboliche?

Menù del 24 Dicembre: i piatti che proprio non possono mancare

Innanzitutto è bene specificare che, da qualunque parte dell’Italia voi veniate, c’è una sola regola fondamentale per i piatti della Vigilia di Natale. Ed è che il cenone del ventiquattro Dicembre deve essere necessariamente a base di pesci. Questo, di solito, non fa che far storcere i nasi dei più piccini: ma, come ben sappiamo, le tradizioni sono tradizioni, e quindi i piatti saranno tutti a base di pesce. Ma vediamo quali sono i piatti che proprio non possono mancare.

Menù del 24 Dicembre: i piatti che proprio non possono mancare

Il primo dei piatti che proprio non possono mancare a tavola durante il ventiquattro Dicembre è l’insalata russa. Amata da molti, odiata da altri, crea sempre delle divisioni ben delineate. Colorata ma soprattutto variegata di elementi, è perfetta per chi è amante delle verdure e dei sapori un po’ più forti. Ma soprattutto, l’insalata russa ha con sé due importanti accezioni. La prima è che, a discapito di tutte le sue componenti, non è mai pesante e non rovina l’appetito. La seconda è che, in un modo o nell’altro, dura sempre fino alla fine del ventisei. Altro piatto immancabile, della stessa famiglia del primo, è l’insalata di rinforzo. Anche in questo caso parliamo di un insieme di cavolo e verdure, e molti non possono fare a meno di chiedersi il perchè della sua presenza a tavola. Ma non importa se finisce per essere sempre scartata, lei ci sarà sempre.

Passiamo ora invece che sono più propriamente a base di pesce. Nel cenone della Vigilia di Natale non possono mancare, senza dubbio, i cornetti al pesce. Si tratta di una versione molto dei crostini ma che hanno come base appunto il pesce. O ancora due tipi di paté: da un lato quello di fegato, molto speziato e che da sempre un tocco in più alla cena. Dall’altro quello di Salmone, un’originale alternativo al suo corrispettivo di carne. Passiamo ora ai primi piatti, e vediamo cosa proprio non può mancare. Innanzitutto troviamo gli Spaghetti alle vongole o con la colatura di alici. Insomma, in qualsiasi modo decidiate di farli, gli spaghetti sono un must imperdibile nel cenone del ventiquattro.

Leggi anche –> I segni più tirchi dello zodiaco: quando i soldi diventano un’ossessione

Menù del 24 Dicembre: i piatti che proprio non possono mancare

Leggi anche –>Bloopers: cosa sono e quali i più famosi nella storia

Continuiamo questo elenco di piatti simbolici di questa sera con la minestra maritata. Si tratta di un piatto molto tipico della tradizione napoletana, che col tempo si è diffuso e ampliato anche ad altre zone della penisola italiana. Solitamente, la minestra viene accompagnata dai cappelli in brodo: un classico intramontabile della cucina italiana, e che senza dubbio ancora tutti dai più grandi ai più piccini. Passiamo ora ai secondi: i piatti indispensabili prevedono sempre la presenza di gamberi al forno, semplici, sfiziosi e sempre presenti. O ancora un bel piatto di pesce fritto, che riesce così a mettere d’accordo anche i più piccini. Concludiamo infine, sempre a tema “pesce”, con il baccalà: che lo facciate fritto, al forno o all’insalata, è un elemento che proprio non può mancare.