Quanta autostima hai in base al tuo segno zodiacale? Parte 1

Autostima o sfiducia nei propri confronti? Scopriamo insieme quali sono i segni che credono più in sé stessi e quali quelli che tendono a lasciarsi andare.

Quanta autostima hai in base al tuo segno zodiacale? Parte 1

Molto spesso si parla di quanto sia importante l’autostima nella vita di una persona: la consapevolezza di sé, delle proprie abilità ma soprattutto capacità. Non ci si deve certo sopravvalutare, no, ma neanche svilire da soli. Bisogna infatti avere fiducia in se stessi, altrimenti la nostra insicurezza sarà così evidente e preponderante nella nostra vita, da portarci verso un atteggiamento controproducente. Vediamo ora quali sono i livelli di autostima dei dodici segni.

Quanta autostima hai in base al tuo segno zodiacale? Parte 1

Ariete (21 marzo-20 aprile)

I nati sotto il segno dello zodiaco sono di certo quelli a cui l’autostima non manca. Forse, sarebbe il caso di dire che ne hanno in abbondanza. Vi fidare ciecamente di voi stessi e delle vostre capacità, sapete in cosa siete più bravi e non avete paura di ammetterlo. Piuttosto, trovate sciocco doverci girare intorno per fare i finti umili. Se sapete di essere bravi in qualcosa, non vedete il motivo di negarlo: piuttosto vi fate avanti per aiutare qualcun altro. 

Quanta autostima hai in base al tuo segno zodiacale? Parte 1

Toro (21 aprile – 20 maggio)

L’autostima per i nati sotto il segno del Toro è di sicuro qualcosa di molto complesso e non istintivo come per molti altri. Da un certo punto di vista, infatti, sono perfettamente consapevoli dei loro limiti ma anche delle loro possibilità. Dall’altro, tuttavia, tendono a farsi prendere dallo sconforto più volte del necessario e questo li spinge ad avere una vera e propria carenza di fiducia in se stessi. In compenso, sono ottimi nell’infondere sicurezza negli altri.

Gemelli (21 maggio – 21 giugno)

A discapito di quello che si potrebbe pensare osservando e parlando con un nato sotto il segno dei Gemelli, queste persone non hanno neanche un centesimo di autostima. Ostentano e mostrano una sicurezza, infatti, che proprio non gli appartiene. Tutto un modo, ci sembra chiaro, per nascondere invece le loro paure e la mancanza di fiducia che non possono fare a meno di provare verso loro stessi. Di sicuro, siete tra i segni che più hanno bisogno di lavorare su loro stessi.ù

Cancro (22 giugno – 22 luglio)

I nati sotto il segno del Cancro hanno delle ottime basi per quanto riguarda la loro autostima. Perfettamente capaci di riuscire in ciò che vogliono, con un po’ di ambizione e caparbietà, hanno solo bisogno di una piccola spintarella. In poche parole, i Cancro sono di quelle persone che per potersi fidare di loro stessi e delle loro capacità devono prima sentirselo dire da qualcun altro. Come se, in questo modo, fossero sicuri di poter riuscire in qualcosa… e solo allora dimostra tutta la stima che hanno realmente verso se stessi. 

Leone (23 luglio – 22 agosto)

Di segni che hanno autostima in abbondanza ne abbiamo? Ebbene sì, stiamo parlando proprio dei nati sotto il segno del Leone. Queste persone sono così sicure di loro stesse e hanno una tale fiducia nelle loro capacità, che spesso e volentieri questo li rende inavvertitamente sgradevoli verso gli altri. Tendente infatti a non conoscere limiti e a non rendervi conto di quando la vostra troppa sicurezza sfocia in un’egocentrismo di base. Forse, sarebbe proprio il caso di darvi qualche limite.

Leggi anche –> Cos’è Vinted? L’app che ha rivoluzionato il mondo dell’usato

Quanta autostima hai in base al tuo segno zodiacale? Parte 1

Vergine (23 agosto – 22 settembre)

Leggi anche –> Idee regalo ecosostenibili per un Natale a impatto zero: tutti i consigli

Concludiamo questa prima parte dello zodiaco con i nati sotto il segno della Vergine: timidi e insicuri, non sono certo degli assi nella materia dell’autostima. E così, infatti, si spiegazioni molti dei loro atteggiamenti di spicco. Come la vena autoritaria, di chi ha bisogno di avere tutto sotto controllo perché pensa di non potercela fare. O ancora la costante tendenza, quasi fosse un desiderio o bisogno fisiologico, di raggiungere la perfezione. Un po’ come se la Vergine dovesse, prima di tutto, dimostrate qualcosa a se stessa ogni minuto della sua vita.