I 10 migliori cartoni della nostra infanzia: parte 2

Continuiamo con la seconda parte del nostro viaggio nostalgico e vediamo gli ultimi cinque cartoni della nostra infanzia.

I 10 migliori cartoni della nostra infanzia: parte 2

Dopo essere corsi a fare un doveroso rewatch, dopo i primi cinque cartoni della nostra infanzia, continuiamo ora con la seconda: vediamo quali sono i cartoni che ci faranno rivivere i pomeriggi della nostra infanzia tra compiti e pane e Nutella. 

I 10 migliori cartoni della nostra infanzia: parte 2

Dragon ball

Il 7 giugno del 1999 Goku entra nelle nostre vite, e non ci lascerà più. Dragon ball, trasposizione dell’omonimo manga firmato dall’allora trentenne Akira Toriyama, probabilmente è l’anime più famoso ed amato di tutti i tempi, ha appassionato tutti, femmine e maschi, grandi e piccini. Insomma questo anime ha un’aura potentissima! Goku incontra Bulma, una ragazzina intenzionata a ritrovare le leggendarie sette sfere del drago, che nota la forza del ragazzino e lo convince a partire con lei. Da qui partirà l’avventura che ci ha lasciati incollati allo schermo per anni! In fondo, chi di voi non ha urlato, davanti al piatto di pasta al sugo, quando Goku si è trasformato in Super Siayan?

Lady oscar

I 10 migliori cartoni della nostra infanzia: parte 2

“Grande festa alla corte di Francia, c’è nel regno una bimba in più”, nel 1982 arriva in Italia Oscar François de Jarjayes, guardia reale, nata donna ma cresciuta ed educata come un uomo. Il cartone animato si articola intorno alle vicende di corte, gli intrighi di palazzo che minano la solidità dei sovrani di Francia, e quelle del popolo, sempre più scontento della monarchia e propenso ad atti rivoluzionari. I nostri cuori si articolano intorno ad Oscar innamorata del Conte Fersen che ha occhi solo per Maria Antonietta che ricambia tali sentimenti, e per l’amore, ricambiato troppo tardi, di Andrè per Oscar, perché, “Una rosa non sarà mai un lillà! “

Mila e Shiro due cuori nella pallavolo

Se Holly e Benji ha ispirato i calciatori di oggi, Mila ha portato intere frotte di ragazzini a indossare le ginocchiere. Mila Azuki è una ragazza di campagna di tredici anni da poco trasferitasi a Tokyo e con la passione per la pallavolo. Il suo sogno, e dopo 58 episodi, anche il nostro: giocare per la nazionale di pallavolo e vincere le Olimpiadi di Seul 1988.

Leggi anche –>I 10 migliori cartoni della nostra infanzia: parte 1

Kiss me licia

La storia d’amore tra Licia e Mirko, cantante dei BeeHive, che ha fatto sognare milioni di adolescenti arriva il Italia nel 1985, tenendoci incollati alla tv per 42 episodi tra amore, gelosia e tanto rock and roll. Durante un giorno di pioggia, Licia incontra Andrea, bambino scappato di casa, e il suo gatto Giuliano e si prende cura di loro. Poco dopo, Licia si scontra con Mirko, che ci prova con lei e si becca un sonoro ceffone. Licia però non sa che il ragazzo è il fratello maggiore di Andrea, nonché leader e cantante del gruppo dei Bee Hive, una band che Licia ben conosce perché innamorata del tastierista Satomi.

Leggi anche –>Disney, un personaggio per ogni segno – Parte 1

Occhi di gatto

I 10 migliori cartoni della nostra infanzia: parte 2

Sheila, Kelly e Tati, tre ragazze bellissime, tre sorelle furbissime son anche tre ladre abilissime. Le tre sorelle del trio, più che un cartone, sono un’icona. Di giorno gestiscono il bar Cat’s Eyes, di notte rubano opere d’arte cercando di ricomporre la collezione di dipinti del padre scomparso. Matthew, fidanzato di Sheila, poliziotto incaricato del caso, continua a non scoprire l’identità della ragazza e delle sue sorelle.