Braccia flaccide: come rassodare il braccio con pochi esercizi quotidiani

L’incubo delle braccia flaccide può colpire chiunque con il passare del tempo: scopriamo pochi piccoli esercizi per tenerle sode

Braccia flaccide
Come ridurre le braccia flaccide?

Con il passare del tempo, ma anche in età giovane, può verificarsi il fenomeno delle braccia flaccide, oppure comunemente chiamato “effetto tendina“, ossia il movimento della pelle che ricopre il braccio, un po’ cadente e che può provocare fastidio, sia a guardarci che a contatto con il nostro corpo. Ma è possibile rimediare facendo alcuni piccoli esercizi giornalieri, per cercare di tenere sempre tonici, o quanto meno attivi, i tessuti.

Braccia flaccide: come porre rimedio

Il tempo passa e bisogna farne i conti, e con l’inattività perpetua, i segni sul nostro corpo potrebbero iniziare a farsi vedere. Oppure, in caso di una forte cura dimagrante che ci ha consentiti di perdere un bel po’ di chili, potrebbe far manifestare una parte di pelle in eccesso difficile da gestire. Ma niente paura, è possibile tonificare le braccia e ridurre sensibilmente le “ali di pipistrello” che potrebbero formarsi, per il restringimento della pelle. Esercizi che si possono fare comunemente da casa con attrezzi acquistabili facilmente ma anche con prodotti che abbiamo a disposizione, a portata di mano.

Curl – Dip e Kettlebell

Curl – Dip e Kettlebell. No, non è una formula magica ne tanto meno sono dei nuovi Pòkemon, ma esercizi e/o strumenti che ci aiuteranno a tonificare le braccia. È possibile iniziare con DIP su panca (vi basta anche una buona sedia). Ci si siede sulla punta della sedia afferrandone i bordi, con le dita in avanti, lentamente distendete le braccia scivolando con i glutei un po’ più in basso del piano di seduta formando, e con le gambe e polpacci in piegamento formare un angolo di 90°. Controllate la respirazione e portate il bacino verso il pavimento. Ripetete questo esercizio in almeno un paio di serie da dieci ripetizioni.

Leggi anche -> Snellire gambe e cosce: pochi esercizi per ottenere ottimi risultati

Braccia flaccide
Come ridurre le braccia flaccide?

Leggi anche -> Esercizi da fare per trovare la propria pace interiore

I curl, stando in piedi in posizione eretta, i piedi in posizione parallela di ginocchia e fianchi, flettendo leggermente le ginocchia in avanti. Con dei pesi tenendo la parte alta del braccio ferma e le mani con i palmi all’insù, flettere i gomiti portando i pesi al petto e tornare poi lentamente indietro. Eseguirlo lentamente è essenziale sia per la giusta riuscita e anche per evitare infortuni. Ripetete questo esercizio per 3 serie, almeno da 10/12 ripetizioni, all’inizio. Dopo arrivate anche a 15. Una kettlebel per amica, per eseguire i piegamenti (in assenza va bene anche una bottiglia d’acqua piena), sempre stando in piedi, portate le braccia distese sopra la testa e muovere il peso solo con il piegamento degli avambracci, dietro la testa. Risulterà un po’ pesante, ma sarà una manna dal cielo.

Braccia flaccide
Come ridurre le braccia flaccide?

Unitamente a questi esercizi, che aiuteranno decisamente a ritrovare un buon tono alle braccia, potete anche praticare sport come per esempio il tennis. Oltre al movimento completo del corpo, è molto incentrato sulla forza e potenza delle braccia, aumentandone la forza. Anche il jogging aiuta a tenere le braccia in forma, con il movimento perpetuo che accompagna la nostra corsa. Un po’ di sano lavoro e benedirete il momento in cui avete iniziato a praticare questi esercizi.