Windows 11: perché fare il nuovo aggiornamento al pc

Da poche settimane si parla del nuovo aggiornamento Windows: dal numero dieci, all’undici. Cosa cambia e perché bisognerebbe farlo? 

Windows 11: perché fare il nuovo aggiornamento al pc

Ufficiale già da qualche mese, sono alcune settimane che non si parla d’altro: è finalmente disponibile il nuovo aggiornamento Windows per PC. Dal cinque ottobre, infatti, è possibile aggiornare il proprio sistema operativo e passare dall’ormai vecchio modello dieci, al numero undici. Prima di scoprire cosa cambia nel corso di questo aggiornamento e, dunque, perché passare al nuovo modello, ecco una piccola chicca: lo sapevate che la base dell’attuale windows 11 è quella del mai nato windows 10x? Sicuramente, tra le novità di questo aggiornamento ci sarà una maggiore velocità e comodità verso la quale si cerca sempre di arrivare. Ma scopriamo ora insieme nel dettaglio quali sono i passi avanti. 

Windows 11: perché fare il nuovo aggiornamento al pc

Tra i primi punti a favore del nuovo aggiornamento Windows 11 vi è la componente grafica: infatti, si parla di un refresh grafico attuato dalla Microsoft come, ad esempio, gli angoli arrotondati delle finestre. Ma non solo, infatti viene introdotto un nuovo tema scuro, che risulta di certo molto più gradevole e meno stancante per gli occhi. Inoltre, sempre a livello grafico, troviamo nuove animazioni, suoni e un layout più moderno. Le icone, inoltre, sono ora posizionate al centro e incontreremo un nuovo, rinnovato e sicuramente più intuitivo centro notifiche.

Windows 11: perché fare il nuovo aggiornamento al pc

Non è un mistero che il sistema Windows della Microsoft avesse bisogno di una ri lavorazione, un restyling che lo rendesse più moderno e attuale. Proprio per questo, nel corso di questo aggiornamento, si può incontrare un menù start mai visto prima, ma anche una nuova sezione widget adattabile alle proprie preferenze e comodità. Ma non finisce qui: infatti, con un semplice download dell’aggiornamento è possibile svolgere un lavoro in multitasking. Ovvero, sarebbe a dire che è finalmente possibile lavorare su più desktop contemporaneamente, sia virtuali che fisici.

Windows 11: perché fare il nuovo aggiornamento al pc

Leggi anche –> Kindle unlimited: cos’è e se ne vale davvero la pena 

A subire delle modifiche è anche “Microsoft teams”, nota piattaforma per le comunicazioni che è salita in vetta nella classifica degli utilizzi nel corso di questi ultimi due anni. Con il nuovo aggiornamento Windows, infatti, non è più necessario scaricare l’applicazione, che sarà invece già parte integrante del pacchetto. Vale a dire che ogni PC disporrà, in modo automatico, di questa comoda piattaforma per chiamate, videomessaggi e messaggi. Infine, le ultime due grandi rivoluzioni di questo aggiornamento: finalmente su un sistema Windows sarà possibile utilizzare  le applicazioni Android, che potranno inoltre essere scaricate attraverso lo Store di Microsoft. In ultimo, nel corso di questa nuova versione saranno accontentati anche i gamer, ovvero i giocare da tastiera: Windows 11, infatti, sarà ottimizzato per sfruttare al meglio il catalogo Game Pass

Windows 11: perché fare il nuovo aggiornamento al pc

Leggi anche –> Cuscino in lattice o memory? Le differenze e i vantaggi

Quindi, in conclusione, questo nuovo aggiornamento Windows è decisamente e senza ombra di dubbio un passo in avanti. Necessario per poter migliorare il proprio utilizzo sempre più costante e quotidiano del pc, in men che non si dica finirete per dimenticare qualsiasi aspetto della vecchia versione. C’è un ma, tuttavia. Ci sono infatti alcune funzionalità che andranno perse col passaggio dal 10 all’11: la prima differenza sostanziale sarà l’assenza della modalità tablet, che non sarà più presente in quanto ritenuta superflua. A mancare sarà anche la “modalità S”, che per un breve periodo intermedio rimarrà invece nei PC di fascia media o ad uso casalingo. Infine, non si potranno più usare la sezione notizie e interessi, l’ormai antiquato internet explorer e  cortana – ovvero l’assistente vocale di Windows.