Evil be like: il meme che sta spopolando sui social

Tra la fine di Ottobre e l’inizio di Novembre è spopolato un nuovo meme sui social “Evil be like”. Ma cosa significa? 

Evil be like: il meme che sta spopolando sui social

Nelle ultime settimana, sui social e in particolare tra i giovani, sta spopolando un nuovo meme. Si tratta dell’ “Evil (nome di persona) be like” e viene usato in riferimento a personaggi famosi: come possono essere attori, cantanti ma anche, e molto spesso soprattutto, politici. Ma come funziona? Si prende una fotografia del diretto interessato, si applica un filtro negativo (ovvero, si inverte il bianco col nero, così da rendere il tutto più dark) e si scrive una citazione. Solitamente si tende a prendere una frase del vip in questione o a replicare un atteggiamento di questa persona, invertendola in negativo.

Evil be like: il meme che sta spopolando sui social

Il meme in questione è nato già a settembre di quest’anno, ma è solo nelle ultime settimana – a ridosso di Halloween – che ha preso realmente piede e cominciato a spopolato. Ma come nasce l’evil be like? A porre le basi di questo fenomeno è una pagina facebook, Pains of Hell Wellness Clinic, che il 12 Settembre diffonde la prima foto. Si tratta di un negativo di Martin Luther King con la scritta “Evil MLK be lie…. I have a Nightmare”. Traducendo, ovvero: “Cattivo” MLK sarebbe… ho un incubo. 

Evil be like: il meme che sta spopolando sui social

Il meme ha avuto successo e diffusione sin da subito, divertendo in particolare i più giovani che si divertono a ironizzare e scherzare sui social. La generazione attuale, infatti, è fatta di individui che tendono molto verso la satira, che prendono elementi di vita quotidiana o cronaca attuale e la diffondono, servendosi però dell’ironia dei social. Ma come continua l’evoluzione di questo specifico meme? Dal dodici settembre si passa direttamente al diciotto, quando approda anche su Reddit (un social network costituito da forum che possono essere iniziati da utenti e in cui gli stessi possono rispondere). Qui però non è più MLK il protagonista, ma Frank Sinatra con la frase: “That’s death”, invece di “That’s life”. 

Chiaramente, come spesso accade nel mondo dei social, questo fenomeno ha acquisito sempre più risonanza. Tutte le pagine e i profili si sono divertiti adattando il meme dell’ Evil be like al proprio tema, argomento o vip preferito. Così facendo è impazzata quella che si potrebbe definire la moda del negativo. E sempre di più, aprendo instagram o facebook, ma anche twitter, si può vedere il negativo dei personaggi più noti del momento.

Leggi anche –> Oroscopo giovedì 11 Novembre

Evil be like: il meme che sta spopolando sui social

Leggi anche –> Kindle unlimited: cos’è e se ne vale davvero la pena

Dall’internazionale, inoltre, si è passato anche all’italiano. Da personaggi, quindi, stranieri come Pharrel Williams che non canta pià “Because I’m Happy”, ma “Because I’m Depressed” o molti altri, si è passati a personaggi tipicamente italiani. Così incontriamo anche il meme al negativo del nonno di tutta Italia, Lino Banfi, che non dice più “Una parola è poca e due sono troppe”. Ora, invece, è “Una parola è più che sufficiente”. O ancora, OriettaBerti non canta più “Finché la barca va, lasciala andare”, ma piuttosto “lasciala affondare.” Tra meme sulla pandemia, sul clima, sull’economia e soprattutto sulla politica, concludiamo con quello del noto gruppo comico “Casa Surace”. Ovvero: Evil Nonna Be Like… sei ingrassato ‘a nonna, mettiti a dieta.