Smaltire l’olio esausto: qual è la soluzione per non danneggiare l’ambiente

Molto spesso ignoriamo come smaltire l’olio esausto, commettendo errori che potrebbero danneggiare seriamente l’ambiente che ci circonda

Smaltire l'olio esausto
Come smaltire correttamente l’olio esausto

Tutto ciò che è fritto, per quanto possa essere buonissimo, tasty e junk, sicuramente non è super salutare, ma siamo tutti d’accordo che è un cibo fritto è buonissimo. E in preda alle endorfine del cibo, rischiamo di commettere un grande errore nello smaltire l’olio esausto utilizzato.

Smaltire l’olio esausto: mai nel lavandino

L’olio esausto non è un prodotto biodegradabile ed è non va assolutamente mai scaricato o nel water o nel lavandino. Non essendo un rifiuto organico, finirebbe nel sistema fognario inquinando l’acqua potabile, e rendere difficile il lavoro di depurazione e dei depuratori stessi. Inoltre, se fosse scaricato in un terreno potrebbe seriamente comprometterlo. E per quanto possa essere un gesto così importante da non fare, è molto solido vederlo. E sarebbe un errore madornale.

Isola ecologica o raccoglitori

Una volta utilizzato l’olio, il modo esatto per smaltirlo raccoglierlo in contenitori, preferibilmente in quelli di plastica, e recarsi presso l’isola ecologica più vicino. Oppure la maggior parte dei comuni di residenza mettono a disposizione, in determinati punti, appositi contenitori per la raccolta di oli esausti. Dopodiché verrà ritirato e smaltito nel modo corretto. Ma quante volte è possibile inoltre, utilizzare l’olio da cucina? Per un corretto utilizzo, l’ideale sarebbe utilizzarlo alla temperatura di non oltre 180° e in maniera continuativa.

Leggi anche -> L’uomo in cucina: perché questa immagine affascina tanto le donne

Smaltire l'olio esausto
Come smaltire correttamente l’olio esausto

Leggi anche -> La zucca come cosmetico naturale: ecco le ricette fai da te

Eliminando le scorie e residui di quanto fritto, potrebbe essere riutilizzato almeno un alto paio di volte. È possibile anche filtrare l’olio per renderlo quanto più puro possibile, e riutilizzarlo per un utilizzo successivo. Per farlo, è necessario utilizzare un panno di cotone bianco o una garza inodore, oppure un colino con trama molto stretta. Dopodiché, farlo colare direttamente in bottiglie di vetro e tenerlo a riposo lontano da elevate temperature. Se ben filtrato, sembrerà come se fosse completamente nuovo. È un’ottima soluzione, sia per il risparmio, oppure se ci rendiamo conto che abbiamo utilizzato tanto olio per friggere poco, e sarebbe un peccato buttarlo via.