Un anno senza Gigi Proietti: il 2 novembre, l’anniversario della sua morte

È già passato un anno senza Gigi Proietti: oggi ricorre l’anniversario della morte e, beffardamente, del compleanno del grande Maestro

gigiproietti-oroscopo-com
Un anno fa scompariva il Maestro Gigi Proietti.

Oggi, 2 novembre, ricorre l’anniversario della morte del grande Maestro di teatro e di vita, Gigi Proietti. Un anno in cui non sono mancati gli omaggi per “Mandrake”, con il susseguirsi di interventi di attori-amici, e personalità di dentro e fuori il mondo dello spettacolo. Un uomo buono, amato davvero da tutti. Il ricordo che passa oggi è come quello di un buon amico di casa, di vecchia data.

Un anno senza Gigi Proietti: “la data è quella che è”

La vita, tanto stupenda quanto beffarda, ha riservato al Maestro Proietti la calata di sipario, proprio il giorno del suo compleanno. “Che dobbiamo fa? La data è quella che è, il 2 novembre” ripeteva Gigi riguardo al suo compleanno, quasi come a profetizzare che anche quella sarebbe stata la data della sua uscita di scena. Attore e gran doppiatore, oltre che cantante e comico e direttore artistico. Con il suo Globe Theatre, oggi ribattezzato Gigi Proietti Globe Theatre Silvano Toti, ha messo in scena alcuni tra i suoi più grandi spettacoli e cavalli di battaglia della sua carriera, oltre ad essere stata scena di grandi opportunità per numerosi attori.

In uscita il suo ultimo film

Nella sua Roma, che mai potrà dimenticarlo, a un anno dopo la sua morte è in uscita l’ultimo film a cui ha preso parte: Io sono Babbo Natale, commedia di Edoardo Falcone in cui, l’attore romano veste i panni del personaggio più amato dai piccoli, ovvero Babbo Natale, proiettato in una magica Roma Natalizia. Al suo fianco, un suo grande amico e grande attore Marco Giallini.

Leggi anche -> Test, preferisci i film o le serie tv: la scelta rivelerà chi sei

gigiproietti-oroscopo-com
Un anno fa scompariva il Maestro Gigi Proietti.

Leggi anche -> Oggi, 2 Novembre, compie gli anni il celebre attore di Friends

Nel non volervi spoilerare nulla a riguardo del nuovo film, in uscita in questi giorni, in suo ricordo, su diversi canali è facile imbattersi nel classico e sempre eterno “Febbre da cavallo”, oppure in “A me gli occhi, please”. Intramontabili interpretazioni, che ci fanno comprendere, ogni volta che le riguardiamo, di quanto sia vuoto il mondo dello spettacolo senza di lui, ma anche la vita di tutti giorni. Non ti dimenticheremo mai, Maestro.