Chattare con chi ti ha bloccato: un trucchetto da usare su WhatsApp

Come chattare con chi ti ha bloccato su WhatsApp? Utilizzare un piccolo trucco per tornare a parlare con la persona interessata

Chattare con chi ti ha bloccato
Qual è il trucco per chattare con chi ti ha bloccato?

Bloccare un contatto su WhatsApp è un’azione irrevocabile, da parte del contatto che è stato bloccato. Quindi, a meno che non ci siano altri canali di contatto, non c’è modo per tornare a parlargli. O forse si? Ebbene, c’è una scappatoia nell’App, che non è stata considerata dagli sviluppatori dell’applicazione.

Chattare con chi ti ha bloccato: vi servirà un complice

Essere bloccati si WhatsApp sembra una decisione fin troppo grande nei nostri confronti (a meno che voi non siate persone asfissianti, a livelli di stalkeraggio). Eppure, c’è una soluzione per poter parlare con la persona che vi ha chiuso la porta, ma vi servirà l’aiuto di un complice. Infatti, dovete beccare una persona che conosca bene sia voi che il contatto che vi ha bloccato, e chiedergli di creare un gruppo in cui ci siete tutti voi. In quel momento, infatti, scrivendo nel gruppo, potete tornare a parlare con la persona interessata, con il vostro complice che, presumibilmente, abbandonerà il gruppo.

Ma potrebbe non bastare

Questa soluzione però, potrebbe non essere sufficiente. Infatti, avremmo poco tempo affinché la persona che ci ha bloccati abbandoni il gruppo, cosa che può fare tranquillamente e in ogni momento. Il nostro complice lascerà il terreno per farci giocare le nostre ultime possibilità, che resteranno nel gruppo anche se la persona interessata lo abbandonerà. A meno che non cancelli il gruppo, ma abbandonando comunque, avrà modo  lo stesso di leggere i messaggi, audio, foto o video che ci siamo giocati per riappacificarci.

Leggi anche -> Messaggi eliminati da WhatsApp: un piccolo trucco per leggerli

Chattare con chi ti ha bloccato
Qual è il trucco per chattare con chi ti ha bloccato?

Leggi anche -> Le app per realizzare i buoni propositi di Autunno: ecco le migliori

Ed ecco quindi una “falla” dell’applicazione, o forse è un’ultima possibilità che ci lasciano gli sviluppatori? Chissà, se non altro è un ultimo bonus che potremmo giocarci, mettendo da parte i nostri rancori, ammettendo le nostre colpe e chiedendo scusa. Sperando che il nostro contatto sia aperto al confronto, oppure deciderà di tenerci bloccati in maniera perpetua. Se ve lo meritate, bene così, se invece è una soluzione eccessiva…beh, ci dispiace per voi!