Cartomanzia, di cosa si tratta e come funziona

Avete mai sentito parlare dell’arte della cartomanzia? Ma di cosa si tratta e, nello specifico, come funziona questa pratica?

Cartomanzia, di cosa si tratta e come funziona

Quanto parliamo di cartomanzia, è bene specificarlo prima di tutto, non si parla certo di una scienza o arte esatta: come ben si sa, forse, infatti sono molti quelli che poco credono a questa pratica. Ma, purtroppo, al giorno d’oggi sono ancora di più che invece si avvalgono di questi racconti per truffare le persone. Cosa importante e fondamentale, perciò, è assicurarsi di non star buttando i soldi: ovvero, che la persona a cui ci affidiamo non sia una – come si dice in questo ambito – ciarlatana. Fatto questo, vediamo di scoprire cosa si intende quando si parla di cartomanzia e in cosa consiste.

Cartomanzia, di cosa si tratta e come funziona

Innanzitutto, vediamo di capire cosa intendiamo quando parliamo di cartomanzia: nello specifico, ci riferiamo a un metodo di divinazione basato sulla lettura delle carte. Ovvero, attraverso la lettura di un mazzo di carte – non francesi, napoletani o comuni come potremmo averle tutti a casa – si pensa di poter avere dei collegamenti con il mondo soprannaturale. In poche parole, si crea una connessione e lo si dimostra attraverso delle informazioni che difficilmente si potrebbe ottenere sulla persona che si ha di fronte. 

Cartomanzia, di cosa si tratta e come funziona

Per una buona cartomanzia, ci si avvale di quelli che sono i tarocchi: ovvero ventidue carte, ognuna rappresentante una figura e degli elementi simbolici. Delle carte che, in parole povere, ai nostri occhi sono prive di significato, ma che gli esperti dovrebbero essere in grado di decifrare, interpretare e fornirci la chiave di lettura. Sebbene a un primo sguardo la cartomanzia potrebbe apparire come estremamente semplice, in realtà non è esattamente così: non basta, infatti, imparare a memoria i significati di ogni carta e simbolo, ma è necessario anche creare un collegamento. Perchè tutto abbia senso e sia funzionale, infatti, bisogna che le carte estratte dal mazzo possano creare una linea, una rete tra loro. Infatti, come forse saprete, una stessa carta può assumere significati e interpretazioni differenti in base alla lettura e al contesto.

Cartomanzia, di cosa si tratta e come funziona

Quindi, come abbiamo detto: la persona che decide di sottoporsi a una seduta di cartomanzia rivela alcune informazioni personali e fondamentale al cartomante. Dopodiché, si procede con l’estrazione e l’interpretazione di questi simboli e con la messa in chiaro in un contesto. A questo punto cosa accade? Ci si avvale dell’oracolo, ovvero un mazzo di carte composto da 52 carte rappresentanti scene di vita quotidiana. Anche in questo, ogni carta ha una sua simbologia e un significato, ma le interpretazioni non sono spesso chiare ma, anzi, possono sfociare in fraintendimenti e male comprensioni. 

Leggi anche –>  Chiromanzia, in cosa consiste e come si fa

Cartomanzia, di cosa si tratta e come funziona

Leggi anche –> La dieta della memoria: quali sono i cibi che aiutano il benessere mentale

E’ bene, ma anche ovvio, specificare che la cartomanzia non è né una scienza nè un qualcosa di esatto. Bisogna avere fiducia, ma soprattutto bisogna credere in quanto accade e viene detto. Altrimenti, tutto apparirà come una grande montatura e un’immensa bugia. E’ altrettanto semplice notare come la buona riuscita di una seduta dipenda molto dall’atteggiamento del diretto interessato: le persone più scettiche tenderanno ovviamente a far decadere ogni interpretazione o carta letta. Al contrario dei più fedeli e leali, che invece prenderanno per oro colato ogni cosa detta. In ogni caso, bisogna non lasciarsi influenzare eccessivamente.