Dolori cervicali: come curarlo e proteggersi dal cambio delle temperature

Con il cambio delle temperature ecco comparire i primi dolori cervicali: come evitare i fastidi e proteggersi dai cambi stagionali

Dolori cervicali
Come trattare i dolori cervicali

Con l’arrivo dell’autunno, il cambio stagionale e il ritorno del caldo improvviso, è facile cadere in dolori cervicali. È bene dunque prevenire, ed evitare di incappare in fastidiosi dolori che possono complicare le nostre giornate. Questa infiammazione è piuttosto comune, e possibile curare anche con metodi naturali.

Dolori cervicali: l’importante è la prevenzione

Ci sono diversi motivi per cui si può soffrire di cervicale infiammata, tra cui una postura non sempre corretta unita a una costante sedentarietà, può provocare frequenti infiammazioni della cervicale. Oppure piccoli schiacciamenti delle vertebre dovuti ad alcuni traumi ricevuti. Per quanto si possa ignorare, anche l’alimentazione può incidere sulla prevenzione. Un buon stile di vita e una corretta alimentazione, possono aiutare a tenere integri il tratto infiammato. Con il cambio temperature, poi, rischiamo di tenere il collo troppo scoperto pensando che faccia caldo, per poi essere presi da un cambio repentino di temperatura.

Col freddo da molto più fastidio

Generalmente, durante il cambio brusco delle temperature, chi è soggetto a dolori da infiammazione cervicale, ne passa di brutte. Infatti, oltre al dolore pungente al collo, l’infiammazione può portare anche nei casi più forti, a giramenti di testa, vertigini e nausea. Ma come è possibile curare i dolori?

Leggi anche -> Dolore da ciclo, quali sono e come fare per risolverli

Dolori cervicali
Come trattare i dolori cervicali

Leggi anche -> Malattie sessualmente trasmissibili: conoscerle ed evitarle

Ovviamente, in casi gravi, è consigliata una visita specialistica e di cure ben indicate. Ma si può trattare la cervicale anche con metodi naturali, quali ad esempio impacchi caldi sulla parte dolente, per sciogliere la contrazione muscolare. Spesso, è frequente utilizzare il sale integrale caldo, fatto scaldare a fiamma bassa in una padellina per qualche minuto. Mettere il sale in un panno (i più temerari lo mettono anche in un calzino di lana), e facendo attenzione a non scottarsi, tenere il sale sulla parte dolorante. Infatti è un ottimo analgesico. Anche l’utilizzo di alcune creme o ripetere determinati esercizi, ci aiuta a tenere lontano l’infiammazione. E attenzione, arriva il freddo…copritevi!