Gesti scaramantici, quali i più diffusi e celebri

Nel nostro quotidiano, senza rendercene conto, ci sono dei gesti scaramantici che ognuno di noi compie senza neanche riflettere: quali i più diffusi?

Gesti scaramantici, quali i più diffusi e celebri

Vi siete mai chiesti se siete gli unici a fare determinati gesti scaramantici in determinate occasioni? Magari, invece, senza che noi lo sappiamo, nel nostro gruppo di amici non siamo gli unici a fare determinati gesti: magari non solo noi evitiamo di passare sotto una scala aperta, o non solo noi incrociamo le dita se ci troviamo davanti un numero pari sull’orologio digitale. Probabilmente, però, non lo sapremo mai: difficilmente le persone, infatti, ammettono ad alta voce di essere avvezzi a determinati gesti scaramantici. Ma quali sono i più diffusi?

Gesti scaramantici, quali i più diffusi e celebri

Tra i primi non possiamo certo non nominare il più che famoso gatto nero: che siamo in macchina o a piedi, se siamo in procinto di attraversa la strada e un gatto nero ci passa davanti, difficilmente andremo avanti.

Gesti scaramantici, quali i più diffusi e celebri

A nulla servirà notare se il gattino è il più carino che abbiamo mai visto, il suo colore sfortunato – nero – sarà più che sufficiente a farci cambiare strada. Questo, forse, è  decisamente il gesto più diffuso e che tutti – seppur inconsapevolmente e inavvertitamente – compiamo quasi quotidianamente. Altro gesto scaramantico in cui molto si riconosceranno è quello di toccare ferro: questo, nello specifico, esiste in diverse variante a seconda della regione e della città in cui ci si trova. C’è chi tocca ferro di fronte a un infortunio, al passaggio di un ambulanza o davanti qualche affermazione “tirata”: se, ad esempio, qualcuno asserirà che sicuramente andrete bene a un colloquio di lavoro, forse è proprio il caso di toccare ferro. 

Leggi anche –> Pumpkin Patch, i giardini italiani delle zucche: dove visitarli

Tra i gesti scaramantici, poi, non possiamo non parlare di due veterani del gioco: da un lato incontriamo lo specchio. A chi, almeno una volta, non è stato detto di fare attenzione a non rompere o far cadere a terra il proprio riflesso, pena sette anni di sfortuna? Ebbene, questa vecchia leggenda è stata ripetuta a tal punto che ormai i più creduloni hanno seriamente cominciato a credersi… e guai ad avvicinarsi troppo vicino a uno specchio. Altro rito è quello del sale e forse, qualche volta, vi sarà già capitato di osservare qualche comportamento strano nei vostri vicini di tavola: se infatti viene versato del sale sulla tavola, questo gesto può portare immensa sfortuna, e per tanto – per scongiurarla – si deve gettare un po’ di quello caduto alle proprie spalle. 

Gesti scaramantici, quali i più diffusi e celebri

Leggi anche –> Dimmi come sottolineare e dirò chi sei: matita o evidenziatori?

Concludiamo, infine, con le tanto fedeli e sempre presenti dita incrociate: ha origini antichissime e i più, ormai, non si fanno più tante domande. L’importante è che tutti, se farete attenzione, di fronte una frase detta, una promessa o un qualcosa che non si è realmente intenzionati a mantenere, incroceranno indice e medio.